Stefani Sport

13 Dicembre 2019

Nessun commento

Pagina iniziale Articoli

Stiramento muscolare: trattamento e tempi di recupero

Stiramento muscolare: trattamento e tempi di recupero

Stiramenti e strappi sono lesioni da trauma indiretto, nei quali il muscolo si allunga in maniera eccessiva e non controllata.

Stiramento e strappo muscolare sono due cose completamente diverse: il primo comporta un eccessivo stiramento delle fibre muscolari che restano però intatte, mentre il secondo causa una rottura vera e propria delle fibre.

Uno stiramento muscolare dà luogo a un dolore acuto e circoscritto alla zona colpita dalla lesione generalmente seguito da uno spasmo muscolare. Raramente vi sono problemi a livello di funzionalità e, molto spesso, il soggetto è comunque in grado di continuare l’attività fisica, cosa tuttavia non consigliabile perché potrebbe causare una lesione di livello superiore (una distrazione o addirittura uno strappo muscolare) con conseguente allungamento dei tempi di recupero.

Le cause più frequenti sono:

  • riscaldamento insufficiente;
  • preparazione fisica non adeguata;
  • affrettati tempi di recupero dopo un infortunio
  • disturbi articolari e problemi posturali ;
  • movimenti improvvisi e violenti;
  • ripetuti microtraumi alle articolazioni;
  • condizioni ambientali poco favorevoli;
  • abbigliamento e calzature non idonei all’attività sportiva;
  •  scarsi tempi di recupero al termine di una prestazione atletica.
Stiramento Muscolare

Le terapie indicate nell’immediato sono innanzitutto il riposo ed un bendaggio elastico.

L’applicazione di ghiaccio può aiutare a controllare il dolore acuto e l’assunzione di farmaci va fatta solo su consiglio del Medico Curante. Il massaggio è sconsigliato perché potrebbe provocare lesioni.

Il tempo di recupero varia in base alla gravità dello stiramento, da 2 a 3 settimane.

Possono essere eseguite terapie quali la tecarterapia (diatermia) e la terapia con laser ad alta potenza: queste terapie sono in grado di favorire l’azione anti-infiammatoria e il rilassamento delle fibre muscolari; inoltre stimolando il metabolismo cellulare favoriscono il ripristino delle funzioni delle fibre muscolari stirate riportandole a normalità.

In fase precoce del recupero è possibile intraprendere la riabilitazione in acqua e gradualmente affiancare la rieducazione funzionale, con esercizi propriocettivi, terapia manuale e stretching dinamico, senza dimenticare il rinforzo muscolare.

Gradualmente sarà possibile riprendere l’attività sportiva prestando una notevole attenzione alla fase di riscaldamento e praticando stretching in maniera corretta.